Accordo di programma sulla chimica di Porto Marghera

(Italian version) signed in Rome on 21st October 1998 by the Government, the Veneto Regional Authority, the Venice Provincial Authority, the Venice Municipality, the Territorial Authorities, the Trade Unions and Groupings of Industrialists and adopted by the Decree of the President of Council of Ministers (DCPM) of 12th February 1999.

Il MINISTERO DELL´INDUSTRIA

il MINISTERO DELL´AMBIENTE

il MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI

la REGIONE DEL VENETO

la PROVINCIA Di Venezia

il COMUNE DI Venezia

l´AUTORITÀ PORTUALE

l´UNINDUSTRIA di Venezia

la FEDERCHIMICA

le Organizzazioni Sindacali CGIL, CISI, e UIL (nazionali, regionali e provinciali)

l´EniChem S.p.A.

la EVC European Vinyls Corporation

la Edison Termoelettrica

la Elf Atochem

la Crion

la Sapio

la Agip Petroli

la Esso Italiana

la Api

la Ausimont

la Montefibre

la San Marco Petroli

la Decal

la Agip gas

la Ambiente S.p.A.

l´Esercizio Raccordi Ferroviari

l´Ente Zona Industriale di Porto Marghera

premesso che:

  • in data 9 marzo 1998 è stato firmato, presso la Regione Veneto, tra tutti gli Enti Territoriali e le parti sociali locali partecipi al presente accordo, un protocollo d´intesa per il risanamento, disinquinamento e rilancio di Porto Marghera, che delinea un progetto compiuto di interventi per l´area avuto riguardo allo scavo e bonifica dei canali, alla valorizzazione della portualità. alle infrastrutture viarie, ferroviarie, energetiche e ambientali, agli investimenti produttivi, il monitoraggio dei rischi, la formazione e riqualificazione delle risorse umane;
  • in data 12 marzo 1998, presso il Ministero dell´industria, i Ministri dell´industria, dei Lavori Pubblici e dell´Ambiente, prendendo atto dei documenti approvati dagli Enti Territoriali e dalle forze sociali locali nella riunione del 9 marzo, hanno con esse convenuto di "procedere quanto prima alla ricognizione degli interventi e delle risorse disponibili con il Ministero dei Bilancio, ai sensi dei punto 1.3 della deliberazione CIPE 21 marzo 1997 sulla programmazione negoziata e di avviare il confronto specifico per la formulazione dell´Accordo di Programma sulla Chimica, quale condizione indispensabile per assicurare la compatibilità degli investimenti;
  • sulla base di tali impegni, le parti firmatarie hanno definito, attraverso approfondimenti successivi, verificati e condivisi nelle riunioni romane del 19 maggio e del 21 luglio e veneziana dei 21 settembre, il quadro delle tematiche e degli impatti nonché l´iter procedurale per addivenire all´accordo, come da verbali allegati al presente atto, (allegato 1),

stipulano il presente accordo di programma

1) Gli obiettivi

Obiettivo del presente accordo è costituire e mantenere nel tempo a Porto Marghera condizioni ottimali di coesistenza tra tutela dell´ambiente, sviluppo e trasformazione produttiva nel settore chimico, in un quadro di certezze gestionali, sul presupposto che un Paese moderno e fortemente industrializzato debba orientare l´evoluzione e lo sviluppo del settore chimico all´interno dei suo sistema produttivo verso scenari globali ed ecosostenibili, nella consapevolezza che la chimica di Marghera rappresenta un punto chiave nella chimica italiana, patrimonio da qualificare e orientare verso linee rigorose e innovative, nel rispetto dell´ambiente. Si intende, per questa via, fare di Porto Marghera un caso pilota di "area ecologicamente attrezzata", come definita dal D. L.vo 31.3.98. n. 112, art. 26. Sono stati individuati, a tali fini, i seguenti obiettivi intermedi, entrambi necessari, ai quali si rivolge il quadro di az

DECAL SPECIALIZES IN BUNKERING SERVICES.

DECAL OFFERS STORAGE AND HANDLING SERVICES FOR OIL AND PETROCHEMICAL PRODUCTS.